Scopri 4 falsi miti sul tabacco riscaldato!

Se ti sei convertito alle sigarette con tabacco riscaldato, leggi questo articolo per conoscere 4 falsi miti sul tabacco riscaldato!

Negli ultimi anni le aziende del tabacco hanno puntato su prodotti alternativi alle sigarette e alle e-cig: quelli a tabacco riscaldato, o HTC, con cui si assume nicotina senza combustione.
Le sigarette che non bruciano sono dispositivi elettronici che, diversamente dalle sigarette elettroniche, contengono foglia di tabacco.
Il vapore, generato dal riscaldamento di bastoncini di tabacco usa e getta imbevuti di glicole propilenico, contiene nicotina a concentrazioni elevatissime.

IQOS

Pioniera di questo prodotto alquanto accattivante è stata Philip Morris con IQOS (I Quit Original Smoking).
L’azienda è attualmente al centro dell’indagine “Blowing Unsmoke”, per aver manipolato i risultati degli studi sulla tossicità del tabacco riscaldato.
In particolare, negli ultimi tempi, è emerso qualche dato importante che sfata diverse teorie.

IL TABACCO RISCALDATO È INNOCUO PER LA SALUTE

  • FALSO: una relazione stilata dall’Istituto Superiore di Sanità, rimasta secretata, smentisce questa credenza.

FUMANDO TABACCO RISCALDATO NON SI INALANO SOSTANZE TOSSICHE

  • FALSO: il livello di sostanze nocive contenute nel tabacco riscaldato è di poco inferiore alle sostanze chimiche presenti nelle sigarette classiche.

IL TABACCO RISCALDATO NON CREA DIPENDENZA

  • FALSO: secondo quanto emerge dagli ultimi studi il suo utilizzo crea dipendenza quanto la sigaretta comune mentre, è possibile, che l’impatto sia minore per quanto riguarda il fumo passivo.

IL TABACCO RISCALDATO NON DANNEGGIA I POLMONI

  • FALSO: anche se il tabacco riscaldato raggiunge una temperatura inferiore (360°) rispetto a quella della sigaretta tradizionale (600-900°), moltissimi composti chimici nocivi (PM 2.5, PM 10, Acroleina, Acetaldeide, Formaldeide, stagno) vengono assorbiti dal flusso sanguigno e dalle mucose polmonari, creando danni a lungo termine analoghi a quelli del fumo.

Finché non emergerà la verità sulla sicurezza o meno di questi dispositivi, la soluzione migliore per smettere di fumare o ridurre il consumo di tabacco, è passare alla sigaretta elettronica.
Nelle e-cig le sostanze nocive sono equiparabili allo zero ed i livelli di nicotina ampiamente personalizzabili in base alle esigenze!

Se sei comunque interessato a scoprire questa nuova generazione di dispositivi ti suggeriamo di provare quelli selezionati dal nostro Staff:

Buon fumo fa buon sangue!

Marche

verifica età

Hai almeno 18 anni?

Il contenuto di questo sito è riservato ai maggiorenni.

Ricevi le ultime news

Iscrivi alla nostra Newsletter

Potrai ricevere sconti e promo!

[]